Ricerca e sviluppo

Continua anche nel primo semestre dell’anno 2010 il forte contributo dato dalla Ricerca e Sviluppo al successo ed alla crescita del Gruppo Ansaldo STS nel mondo.
I risultati più evidenti sono stati gli imponenti ordini acquisiti, che vedono come attori principali i recenti prodotti sviluppati nel settore ferroviario ed in particolare quello ERTMS/ETCS Livello 2 per le linee Alta Velocità, quello metropolitano innovativo basato sulla tecnologia Communication Based Train Control (CBTC) oltre a quelli innovativi nel campo della Security e del Risk Reduction.
Sul fronte dei prodotti ERTMS livello 2, il primo semestre del 2010 ha, inoltre, testimoniato importanti dimostrazioni di interoperabilità degli stessi con sistemi forniti da terze parti. In particolare:

  • installato su treni Thalys, il sistema Ansaldo STS di Bordo ha dimostrato di essere interoperabile, via comunicazioni radio GSM-R, con apparecchiature di Terra RBC (Radio Block Center) di fornitura Alstom per una tratta in Belgio e di fornitura Thales per una tratta in Olanda;
  • all’interno del contratto acquisito da Ansaldo STS per la linea ZhengXi in Cina, dopo che nella prima settimana di febbraio l’impianto è stato consegnato all’esercizio ferroviario, sono stati positivi i risultati dei test sinora fatti di interoperabilità tra apparecchiature Ansaldo STS di Bordo con apparecchiature di Terra RBC di fornitura Bombardier e tra apparecchiature di Terra RBC di Ansaldo STS con apparecchiature di Bordo di Bombardier.

Con riferimento ai progetti di CBTC, il primo semestre del 2010 segnala un discreto avanzamento fisico dello sviluppo di R&D che in particolare ha permesso la messa in esercizio del sistema CBTC, sottosistema di terra (Zone Controller), nella metropolitana di Parigi, linea 3 (progetto OCTYS); si conferma altresì la possibilità di attivare entro la fine del 2010 il sistema, in modalità IATP (la funzionalità piena del CBTC sarà resa disponibile nel 2011) sui due contratti in Cina, Shenyang L1 e Chengdu L1.

Il segmento di Business relativo alla Security e Risk Reduction è stato caratterizzato dal completamento ed installazione di sistemi innovativi di Security (Metro Campania, Circumvesuviana, RFI) che hanno contribuito ad ampliare ulteriormente la gamma prodotti nei settori tradizionali del Segnalamento ed Automazione. Si sono completate, inoltre, attività di simulazione in caso di incendi sul veicolo in transito che hanno contribuito a definire il Gruppo Ansaldo STS un player importante nel settore della Security e del Risk Reduction.

Nel settore della Security per le infrastrutture dei trasporti, le proposte sono mirate a monitorare e proteggere gli “asset” critici, quali stazioni, tunnel, ponti, viadotti, depositi, sottostazioni elettriche etc.., nei confronti di minacce quali:

  • accessi non autorizzati in aree protette;
  • furti ed atti di vandalismo;
  • sabotaggi ed attacchi terroristici.

Tutto questo viene ottenuto attraverso la definizione di una soluzione dedicata identificata attraverso i seguenti passi:

  • risk analysis;
  • progettazione del sistema di gestione della Security Centralizzato e dei sottosistemi e tecnologie in campo per le misure ed integrazioni dei sensori e dispositivi necessari.

Nel campo della Risk Reduction, è stato completato lo sviluppo del nuovo sistema chiamato TCCS® (Train Conformity Check System), il cui utilizzo è previsto in corrispondenza degli ingressi nei tunnel.
Obiettivo primario di questo sistema è quello di aumentare la sicurezza di esercizio, garantendo che non vi siano problemi tecnici a bordo del convoglio prima della sua entrata in galleria.
Il controllo viene fatto dapprima identificando il modello di treno in arrivo, e attraverso sensori posti al lato dei binari, vengono rilevate sue eventuali anomalie:

  • dimensionali, quali per esempio variazione del profilo, carichi sporgenti irregolari o anomalie sulle ruote;
  • termiche sia in punti del carrello che del sottocassa o dell’imperiale.

Sempre nel settore del Risk Assessment il 2009 è stato testimone del successo della sperimentazione di incendio di una carrozza metropolitana in un tunnel, eseguito presso la SFO dei VVFF di Montelibretti (RM).
L’esperimento, il cui complesso progetto era stato avviato quasi due anni fa, su impulso della direzione di Roma Metropolitane e della direzione di Ansaldo STS, aveva l’obiettivo di dimostrare la validità delle scelte tecnologiche ed impiantistiche del Progetto della Linea C di Roma in termini di sicurezza al fuoco.
Si è voluto, cioè, misurare “dal vero” la vivibilità dell’ambiente, la resistenza del veicolo, l’efficienza degli allarmi e le relative contromisure nel caso di incendio di un treno nella galleria della Linea C di Roma.
L’esperimento è stato articolato in tre prove: innesco naturale, forzato e doloso, eseguiti in tre giorni diversi.
La rete di sensori predisposta ha consentito il monitoraggio real time dell’incendio e l’acquisizione di un gran numero di dati di grande interesse.
Al 30 giugno 2010 le spese per Ricerca e Sviluppo si attestano a €Mil 22 in crescita rispetto al 30 giugno 2009, che erano pari a €Mil 20.

Le attività sviluppate dall’Unità Signalling, per un valore complessivo di €Mil 21, pari al 95% del totale, sono riferibili alle seguenti società (dati in €Mil):

  • Ansaldo STS: 9
  • Ansaldo STS France: 10
  • Ansaldo STS USA: 2

Le attività sviluppate dall’Unità Transportation Solutions sono pari a €Mil 1 sostanzialmente allineate ai valori del 30 giugno 2009.

Ricerca & Sviluppo al 30 giugno 2010-2009 (Euromigliaia) e contribuzione delle Unità

Ricerca & Sviluppo al 30 giugno 2010-2009 (Euromigliaia) e contribuzione delle Unità